Seminario formativo “Pensieri e Parole”

presso l’Auditorium del plesso Pareto, si è tenuto il seminario formativo dal titolo “Pensieri e Parole”, a cui ha partecipato come relatore il prof. Francesco Sabatini, Presidente onorario dell’Accademia della Crusca.

L’incontro con professore Sabatini che per due giorni ci ha onorato della sua presenza ha avuto  grande successo. Grazie a chi ha creduto in tutto questo.

 

Ricordando Mario Francese

Ricordando Mario Francese …Gli alunni della 2^ A dell’indirizzo Tecnico dell”Einaudi Pareto”, autori del libro “Il Coraggio degli Eroi” in classe con il figlio Giulio Francese e il giornalista Totò Ferro. Per i nostri alunni una giornata di grandi emozioni !!

16864901_1454173967982001_4376674085950858584_n (1) 16864901_1454173967982001_4376674085950858584_n 16832248_1454173821315349_649789094969571501_n

EDUCARNIVAL 2017

EDUCARNIVAL 2017 –

terza edizione Educare attraverso il divertimento riscoprendo la tradizione carnascialesca della città di Palermo

PROGRAMMA DELL’EVENTO

Sabato 25 febbraio 2017 – mattina

Rappresentazione di opere teatrali: gli studenti metteranno in scena spettacoli di strada ispirati alle opere classiche, moderne e contemporanee . Dove: lungo il percorso della sfilata. In particolar modo saranno allestiti spettacoli a Villa Bonanno, nei pressi della villa romana, a piazza Bologni e negli atri dei più bei palazzi del Cassaro alto, come Palazzo Castrone, Palazzo Alliata di Villafranca, Palazzo Riso ecc. Orario previsto: 10.00 – 13.00

Spettacoli itineranti degli studenti: lungo il percorso della sfilata e nelle piazze limitrofe, gli studenti si esibiranno con spettacoli di musica, danza, o perfomance di varia natura. Orario previsto: 10.00 – 13.00

Visite guidate: gli studenti di alcune scuole di secondo grado organizzeranno delle visite guidate al fine di promuovere e far conoscere il territorio del centro storico ai turisti e ai cittadini in genere. I monumenti illustrati saranno quelli di maggior pregio dislocati lungo il percorso della sfilata. Orario previsto: 10.00 – 13.00

Sabato 25 febbraio 2017 – pomeriggio

Laboratori di gastronomia: saranno messi in atto dagli Istituti alberghieri della provincia di Palermo e dall’Istituto Superiore di Castelbuono, indirizzo agrario. In occasione dei laboratori saranno esposti alcuni lavori realizzati dagli Istituti tra cui la riproduzione di un monumento di Palermo. L’Istituto di Castelbuono, come già fatto in occasione della passata edizione, eseguirà delle dimostrazioni sulla produzione di prodotti tipici siciliani alle quali seguiranno degustazioni in loco aperte a tutti. Orario previsto: 16.00 – 19.00

Spettacoli musicali: sulla pedana allestita in piazza Verdi si esibiranno gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado con spettacoli musicali e di danza. Gli studenti saranno selezionati mediante audizioni condotte nelle scuole nei mesi precedenti alla manifestazione. Orario previsto: 16.00 – 21.00

Rappresentazione di opere teatrali. (come da programma del sabato mattina). Orario previsto: 16.00 – 19.00

Spettacoli itineranti degli studenti. (come da programma del sabato mattina). Orario previsto: 16.00 – 19.00

Visite guidate.(come da programma del sabato mattina). Orario previsto: 16.00 – 19.00

Domenica 26 febbraio 2017 – mattina

Orienteering nel centro storico: gli studenti delle scuole che ne faranno richiesta parteciperanno alle attività di orienteering che saranno organizzate nelle zone limitrofe al percorso. Tale manifestazione, pensata come prologo del campionato mondiale studentesco di tale disciplina che si terrà per la prima volta in Sicilia nel prossimo aprile, si pone l’obiettivo di far conoscere meglio il centro storico di Palermo e le relative bellezze architettoniche. Dove: centro storico secondo planimetria riportata in calce. Orario previsto: 10.00 – 12.00

Rappresentazione di opere teatrali. (come da programma del sabato mattina). Orario previsto: 10.00 – 13.00

Spettacoli itineranti degli studenti. (come da programma del sabato mattina). Orario previsto: 10.00 – 13.00

Spettacoli musicali. Esibizioni di studenti sulla pedana allestita in piazza Verdi. (come da programma del sabato pomeriggio). Orario previsto: 10.00 – 13.00

Visite guidate.(come da programma del sabato mattina). Orario previsto: 10.00 – 13.00
Domenica 26 febbraio 2017 – pomeriggio

Sfilata: la sfilata avrà luogo domenica pomeriggio con partenza alle ore 15.00 e prevede due punti di raduno. Il primo, per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, sarà nella piazza del Parlamento dove potranno sostare già dalla mattina i carri realizzati dalle scuole, mentre il secondo, per gli alunni delle scuole di ordine inferiore (materne e primarie), sarà nel sagrato della Cattedrale. Gli Istituti comprensivi con coreografie che prevedono la presenza contemporanea degli studenti delle primarie e delle medie, comunicheranno per tempo il punto di partenza più congeniale alle loro esigenze. Il corteo percorrerà via Vittorio Emanuele fino ai Quattro Canti di Città, svolterà su via Maqueda fino alla piazza Verdi, da qui girerà per via Cavour fino all’incrocio di via Roma. Da questo punto procederà lungo la via Roma fino all’incrocio con via Vittorio Emanuele, dove svolterà in direzione dei Quattro Canti e da qui arriverà a piazza Verdi dove si esibiranno sulla pedana le più belle maschere della sfilata. Gli studenti più piccoli potranno terminare la propria sfilata in piazza Verdi in occasione del primo passaggio. In questo modo percorrerebbero un tragitto più breve di lunghezza pari a 1600 m, contro i 3420 m dell’intero percorso. Durante la sfilata saranno effettuate un congruo numero di soste durante le quali gli studenti si esibiranno in performance di varia natura. La sfilata vedrà la partecipazione di studenti in maschera e carri realizzati dalle scuole. Orario previsto: partenza ore 15.00 – arrivo presunto ore 20.00

Spettacoli musicali. Esibizioni di studenti sulla pedana allestita in piazza Verdi. (come da programma del sabato pomeriggio). Orario previsto: 15.00 – 22.00

Premiazione delle maschere più belle. Al termine della sfilata saranno premiate sulla pedana di piazza Verdi le maschere più belle dell’edizione 2017. Orario previsto: 20.00 (e comunque al termine della sfilata)

Allegato programma Programma-Educarnival-2017

“La scuola racconta una donna”

La Scuola “racconta” una donna è un progetto della Biblioteca delle donne promosso dall’Assessorato alla scuola del Comune di Palermo e patrocinato dall’Ufficio scolastico regionale della Sicilia.

Il progetto ha come finalità quella di rendere visibile, nella scuola e nella società, la presenza delle donne, della loro soggettività e della loro cultura promuovendo la valorizzazione di figure femminili autorevoli.

Il progetto prende le mosse dalla considerazione che la scuola svolge un ruolo centrale nella formazione delle giovani generazioni per quanto concerne la conoscenza e, soprattutto, i comportamenti e il senso di sé. Nella scuola i/le  giovani possono cominciare a sperimentare una nuova cultura di convivenza civile fra uomini e donne e in cui il rapporto tra i sessi possa essere sempre più segnato dal rispetto dei corpi, proprio e altrui.

Ancora oggi le studentesse e gli studenti si trovano in posizione diversa rispetto al processo formativo poiché nella scuola i ragazzi si formano su modelli  che hanno origine dall’esperienza maschile e  che valorizzano il proprio sesso, mentre per le ragazze l’esperienza dell’essere donna, quando non è cancellata o svalorizzata, è presentata nelle forme e nei modi voluti dall’altro.

La valorizzazione del femminile, costruita anche attraverso la riscoperta di figure di donne del passato -e del presente- consentirà alle ragazze di conoscere la parola, il pensiero, la vita di donne autorevoli e permetterà ai ragazzi di acquisire consapevolezza della propria parzialità, di confrontarsi con un’altra misura umana, quella femminile. E’ questa una delle condizioni necessarie perché nella scuola possa effettivamente darsi un nuovo corso capace di proporre esperienze educative nelle quali l’essere donna sia espressione di grandezza culturale ed umana.

La scuola “racconta” una donna indica come strumento privilegiato per questa nuova “educazione” la conoscenza della cultura e della storia delle donne: raccontare una donna non significa solo conoscerla ma anche sottrarla all’oblio, diffonderne la conoscenza, promuoverne la valorizzazione, renderla significativa per tutti, uomini e donne.